• Via di San Gallicano, Rome, Italy
  • (39) 06 8992225
  • dream@santegidio.org

Category Page: Malawi

Regala un uovo solidale, aiutaci ad aprire un centro nutrizionale in Malawi

Ogni giorno in Africa 2.500 bambini ricevono un pasto nei Centri Nutrizionali della Comunità di Sant’Egidio!
Anche quest’anno, acquistando un uovo solidale potrai contribuire al nostro lavoro in Africa.
Acquistando un uovo infatti  contribuirai all’apertura del nuovo Centro Nutrizionale di Balaka in Malawi.

Le città in cui saranno a disposizione le uova sono le seguenti: Genova/ Milano /Savona / Napoli /Salerno /Novara / Torino / Trieste / Padova / Livorno / Lucca / Messina / Pavia / Treviso / Civitavecchia / Roma / Bari / Firenze / Alessandria / Cuneo / Pavia / Rapallo / Ancora  / Palermo.

Scrivici per avere informazioni

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Inserisci la tua città (richiesto)

Scrivi la tua richiesta

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Eccellenza nella diagnostica. Il ruolo del laboratorio in DREAM 2.0

dream-resistance-m2La scorsa settimana in Malawi, presso il centro DREAM Elard Alumando di Blantyre, si è tenuto un workshop dal titolo “Assicurare l’eccellenza nella diagnostica e nella gestione di laboratorio. Il ruolo del laboratorio in DREAM 2.0”. Il corso, sponsorizzato dalla CEI (Conferenza Episcopale Italiana) e da Abbott Diagnostics, ha visto coinvolti i responsabili dei maggiori laboratori realizzati dal Programma DREAM della Comunità di Sant’Egidio in Africa, provenienti da Mozambico, Kenya, Tanzania, RDC e dallo stesso Malawi.

Partendo dalla constatazione di come DREAM in questi ultimi anni sia stato capace di rispondere alle nuove sfide poste dalla domanda di Salute Globale in molti paesi africani, grazie al modello di cura inclusivo e attento ai bisogni del paziente come persona, coniugato all’eccellenza dei servizi offerti (e i laboratori di biologia molecolare ne sono un esempio), i partecipanti si sono interrogati su come i laboratori da loro diretti possano essere sempre meglio al servizio del programma DREAM.

Per questo, ci si è confrontati su come implementare nuovi test analitici, su come garantire lo sviluppo del sistema qualità, in accordo con le normative internazionali, gli orientamenti del WHO e i programmi specifici di ogni Paese. Ma anche come lavorare in coordinamento con altre Istituzioni, Pubbliche e Private, nazionali e internazionali, al fine di rendere sostenibili e sempre più accessibili nei vari Paesi i servizi di diagnostica, soprattutto per il settore molecolare.

Il lavoro in team, il confronto sugli argomenti specifici, e la condivisione di problemi e soluzioni ha arricchito moltissimo tutti i partecipanti, che hanno espresso un profondo e corale ringraziamento per l’occasione, impegnandosi a mantenere più stretti contatti nel corso dell’anno, per rafforzare ancora di più la rete africana realizzata dalla Comunità di Sant’Egidio con DREAM, lavorando insieme al mantenimento di un “approccio umanistico” alla qualità scientifica richiesta dalla professione, per non dimenticare che, dietro ogni campione da sottoporre ad analisi, si nascondono i volti, spesso familiari e amichevoli, di tanti uomini, donne e bambini.

Un particolare apprezzamento è stato espresso ai colleghi del programma DREAM in Malawi per l’eccellente lavoro svolto nell’implementazione di nuovi servizi come il monitoraggio dell’ipertensione, o lo screening del tumore al seno e del collo dell’utero. In ultimo, grande soddisfazione ha suscitato la presentazione da parte di Richard Luhanga, direttore del laboratorio di Blantyre, del metodo in house per il monitoraggio della farmacoresistenza di HIV. Questo metodo di laboratorio, che era appena stato presentato in una open lecture a Lilongwe alla presenza dei responsabili del Ministero della salute, dei CDC e di vari partners internazionali attivi nel settore dell’HIV, è molto interessante in quanto potrebbe, a regime, ridurre a un quarto i costi del test, e poter essere implementato nel Paese senza dover continuare a spedire all’estero i campioni da sottoporre ad indagine.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Total invests in clean energy

2016-11-08_total_malawiTOTAL Malawi has invested in a solar project worth K300 million as part of its corporate social responsibilily initiatives for support delivery of quality healthcare in the country. The project contructed with funds from Total Foundation, wlll provide sustainable power to benefit communities under Sant’Egidio’s Children Feeding Centres and Dream Centres across the country.
Speaking in Blantyre at a ceremony to mark the completion ofthe project, Total Malawi Managing Director, Seggie Kistasamy said the initiative will promote the use of clean energy in light of prevaling electricity challenges in the country. Director of Dream Africa, who manages the centres, Giorgio Barbaglia, applauded Total for the project support. Barbaglia said the support will improve operations at the centres.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

L’energia solare che alimenta e sostiene il sogno di DREAM

05Nella bella cornice del centro nutrizionale della Comunità di Sant’Egidio a Machinjiri, nei pressi di Blantyre in Malawi, con la partecipazione del Direttore di Total Malawi, Seggie Kistasamy, si è svolta la cerimonia di consegna di 7 impianti ad energia solare installati tra la seconda metà del 2015 e i primi mesi del 2016 nell’ambito del progetto ‘A solar DREAM for Malawi’ finanziato dalla Fondazione Total attraverso Total Malawi.

Un totale di 10 centri DREAM in Malawi, di cui 2 con annesso laboratorio di analisi sono stati dotati di impianti ad energia solare nei 3 anni del progetto.

E’ una buona notizia in un paese attraversato da una grande crisi. Le piogge irregolari dei 2 anni passati hanno portato carestia e la fame è purtroppo la compagna quotidiana di molti in questi mesi.

Inoltre deficit strutturali e cattiva manutenzione stanno provocando una cronica carenza di energia elettrica in tutto il paese. Ci sono vaste aree del Malawi che ricevono energia solo poche ore durante la notte, altre restano al buio per giorni. Gli ospedali, soprattutto quelli nelle zone più rurali, rifiutano di eseguire interventi chirurgici o parti cesarei d’urgenza soprattutto nelle ore notturne quando rischierebbero di rimanere al buio totale. Anche l’acqua è diventata un problema, perché senza energia elettrica non è possibile pomparla dai pozzi verso le cisterne. Così purtroppo per giorni interi i centri sanitari restano anche senza acqua.

La rete dei nostri centri DREAM sta soffrendo di questa deteriorata situazione e gli impianti a energia solare sono una benedizione per poter svolgere normalmente le quotidiane attività di cura.

Proprio qualche giorno fa l’Organizzazione Mondiale per la Meteorologia e il Clima ha annunciato che le concentrazioni globali di CO2 hanno stabilmente superato le 400 parti per milione. Non è una buona notizia. L’OMM ha dichiarato il 2016 primo anno dell’ ‘Era dell’anidride carbonica’.

I canti e i balli di ringraziamento delle donne di Machinjiri si uniscono a quelli dell’ambiente naturale del Malawi, spesso maltrattato da inquinamento e deforestazione.

I 10 centri DREAM ad energia solare in Malawi sono un piccolo passo, ma nella giusta direzione.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Emergenza fame: distribuzioni alimentari in Malawi e in Mozambico

Al via il progetto di DREAM finanziato dalla Cooperazione Italiana

distribuzioni_-aimentari-1Il progetto di emergenza fame finanziato dalla Cooperazione Italiana e implementato dal programma DREAM della Comunità di Sant’Egidio in Mozambico e in Malawi ha iniziato a raggiungere le popolazioni colpite dalla siccità.

Il 2016 è stato un anno particolarmente difficile in Africa australe, circa 15 milioni di persone sono state colpite dalla crisi alimentare. El Ninho, che provoca un riscaldamento della temperatura superficiale dell’oceano nel Pacifico orientale e centrale ogni 5 anni circa, ha causato una siccità che ha gravi ripercussioni sulla già fragile agricoltura nella regione. Questo ha portato ad una particolare scarsità nel raccolto e ad un significativo aumento dei prezzi degli alimenti con risvolti nutrizionali gravi in popolazioni già largamente colpite dalla malnutrizione. Per questo DREAM ha iniziato un progetto di emergenza grazie ai fondi della cooperazione italiana, con l’obiettivo di far fronte alla crisi alimentare in Malawi e Mozambico.

In Mozambico è stata effettuata una prima distribuzione di generi alimentari ai pazienti con infezione da HIV, maggiormente esposti ai rischi della malnutrizione; nel primo mese sono stati raggiunti circa 270 pazienti nei centri DREAM di Quelimane, Beira e  Manga Chingussura; ciascuno ha ricevuto  un pacco contenente riso, fagioli, zucchero e olio.

In Malawi, paese più povero che ha risentito maggiormente della siccità, le distribuzioni hanno coinvolto i centri DREAM di Balaka, Kapire, Dzoole e Kapeni raggiungendo oltre 1.000 pazienti con HIV. In pochi giorni, tra il 30 settembre e il 1 ottobre, sono state poi realizzate distribuzioni presso i villaggi di Phalombe e di Chikwawa; queste distribuzioni hanno raggiunto circa 900 famiglie scelte grazie al supporto dei capi villaggio e dei parroci che hanno individuato ­famiglie in difficoltà con ­persone vulnerabili: bambini orfani, anziani, famiglie con molti bambini, madri sole con figli.

Il progetto di emergenza fame è frutto della sinergia tra DREAM, diffuso e radicato nel contesto africano, e la Cooperazione Italiana che ha reso disponibili i fondi necessari e rappresenta una risposta rapida ed efficace al bisogno delle popolazioni colpite da El Ninho in Africa australe.

Per approfondire:     news 1     news 2

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Primi risultati del progetto di DREAM sull’emergenza fame finanziato dalla cooperazione italiana

fame2016_1Avviato il progetto di emergenza fame per dare una prima risposta alla crisi alimentare scatenata da El Nino in Africa australe. Il 2016 è stato un anno di crisi alimentare in Africa, che ha colpito quasi 15 milioni di persone ( leggi news ). Grazie ai fondi della cooperazione italiana, il programma DREAM ha avviato un progetto specifico di aiuti alimentari alle popolazioni più colpite dalla siccità in Malawi e in Mozambico che raggiungerà oltre 20.000 persone.

Una prima fase del progetto prevedeva, accanto alla distribuzione di cibo, la realizzazione di questionari al fine di analizzare la situazione e poter dare risposte più adeguate ed, eventualmente, pianificare interventi mirati nel futuro.

L’inchiesta è stata svolta in poco più di una settimana e ha coinvolto rapidamente circa cinquecento persone nei due paesi nei centri DREAM e nei villaggi raggiunti dal progetto. La situazione nei due paesi, come noto, è risultata critica. In Mozambico gli intervistati vivono in media in case con altre 6 persone e riescono a fornire alimenti sufficienti per la famiglia solo nel 2% dei casi, riportando un peggioramento della situazione alimentare nel 2016 rispetto al passato in oltre il 95% dei casi con un aumento dei prezzi riportato da quasi tutti gli intervistati. Situazione del tutto simile in Malawi, dove però il contesto prevalentemente rurale rende la popolazione particolarmente soggetta ai cambiamenti climatici e alle difficoltà di immagazzinamento degli alimenti: circa l’80% degli intervistati ha dichiarato di avere serie difficoltà a reperire il cibo da ottobre a gennaio; sempre in Malawi solo un intervistato su quattro mangia proteine più di due volte a settimana.

Questi dati sono solo un ulteriore tassello nella descrizione di una situazione difficile, come quella della attuale crisi alimentare in Africa australe. La malnutrizione, in particolare infantile, è lungi dall’essere un problema del passato in Africa, ma necessita di investimenti e di interventi urgenti. DREAM ormai da quasi 15 anni combatte la malnutrizione, in Africa sono stati consegnati in questi anni circa un milioni di pacchi alimentari e migliaia di bambini hanno mangiato quotidianamente ai centri nutrizionali gestiti da DREAM nel continente.

Il progetto dell’Emergenza fame della Cooperazione Italiana insieme al programma DREAM ed altri partner risponde a queste domande pressanti del continente africano.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail