• Via di San Gallicano, Rome, Italy
  • (39) 06 8992225
  • dream@santegidio.org

Dschang, Camerun – Entro poche settimane l’inizio delle attività del nuovo centro DREAM

Nella seconda settimana di gennaio una delegazione DREAM si è recata in Camerun per curare gli ultimi particolari dei lavori di approntamento del centro di Dschang, in vista del prossimo inizio delle sue attività, presumibilmente a fine marzo 2008. 

La costruzione dei locali del centro è ultimata. I prossimi due mesi saranno dedicati alla messa a punto del piano elettrico ed all’equipaggiamento del centro e del laboratorio.
DREAM aprirà appunto a Dschang, nell’ovest del paese, in una zona limitrofa a quella anglofona, vicino al confine con la Nigeria, in quella che è un’importante cittadina di un’area montagnosa e molto popolata il cui capoluogo di provincia è Bafoussam.
 
In tale nuovo contesto il lavoro di prevenzione e cura che DREAM porta avanti sarà reso possibile grazie alla ormai sperimentata collaborazione con le Figlie della Carità, che cureranno in prima persona il day-hospital, ricavato all’interno di una più grande struttura ospedaliera anch’essa gestita dalla Congregazione.
La direttrice del futuro centro, sr. Laura, così come gli otto operatori che ci lavoreranno e i due laboratoristi, si sono formati adeguatamente nel corso degli ultimi mesi. In particolare i laboratoristi sono reduci da uno stage di tre mesi effettuato presso il laboratorio di biologia molecolare DREAM di Conakry. 

A Dschang c’è molto entusiasmo per il prossimo inizio delle attività. Sia le suore che gli operatori sono orgogliosi di lavorare per questo progetto che vuole salvare il futuro dell’Africa. I primi pazienti ad esser curati saranno le donne in gravidanza e i loro familiari.
Nel quadro della missione la delegazione DREAM ha partecipato anche ad alcune riunioni con i responsabili della sanità, a livello tanto locale che nazionale, compreso il Ministro della Salute. 

DREAM nascerà infatti come progetto pilota e i suoi risultati saranno monitorati e fatti oggetto di studio da parte delle autorità sanitarie. A tutt’oggi in Camerun non si utilizza la triterapia antiretrovirale a vantaggio delle donne in gravidanza, che è quel che caratterizza invece i protocolli DREAM. L’esperienza del centro DREAM, dunque, i suoi risultati in particolare, potranno costituire un elemento di valutazione importante in vista di una revisione dei protocolli camerunesi attualmente in vigore e della impostazione di una prevenzione verticale più adeguata alle necessità dei nascituri e delle puerpere. 

C’è stato anche modo, in quei giorni, di incontrare il Ministro della Giustizia [nella foto] insieme ai responsabili del servizio in carcere delle Comunità di Sant’Egidio del Camerun, Cristine e Philémon. Costoro hanno illustrato al Ministro le condizioni ed i problemi dei prigionieri ed esposto quello che è il lavoro della Comunità [si veda anche la news sul sito www.santegidio.org, Un ringraziamento ufficiale per le attività della Comunità nel carcere di Tcholliré II]. 

Le suore, da parte loro, hanno spiegato che DREAM curerà i malati di AIDS della prigione di Dchang. Il Ministro della Giustizia ha espresso parole di grande stima per il lavoro della Comunità e per il progetto DREAM.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail