• Via di San Gallicano, Rome, Italy
  • (39) 06 8992225
  • dream@santegidio.org

Tag Archives: Congo RDC

DREAM RAFFORZA IL SUO IMPEGNO PER IL DIRITTO ALLA SALUTE IN REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Il programma DREAM della comunità di Sant’Egidio sostiene la popolazione della Repubblica Democratica del Congo nella lotta all’HIV/AIDS implementando le sue attività diagnostiche in nuove aree del Paese.

Malaria, tubercolosi e HIV/AIDS sono ancora oggi malattie molto diffuse nella Repubblica Democratica del Congo. La situazione potrebbe migliorare in maniera netta aumentando i servizi di prevenzione e trattamento. Una necessità per il Ministero della Salute locale e per organizzazioni internazionali come il Fondo Globale contro l’AIDS, la tubercolosi e la malaria e PEPFAR, il piano di emergenza USA per la cura dell’AIDS, che si sono rivolti al Programma DREAM della Comunità di Sant’Egidio per favorire l’accesso alle cure in diverse province del Paese.

DREAM implementerà le proprie attività in diverse aree della Repubblica Democratica del Congo, in particolare nelle province di Goma, Bukavu, Kisangani, Kikwit, Mbuji-Mayi e Kalemie in Takanyika, Uvira in Sud Kivu. Qui il programma della Comunità di Sant’Egidio formerà personale in grado non solo di effettuare i prelievi, ma anche di contribuire alla creazione di un flusso di tracciabilità del sangue raccolto.

In questo modo, DREAM sosterrà la Repubblica Democratica del Congo a raggiungere l’obiettivo di attuare le disposizioni internazionali in materia di prevenzione e cura di HIV/AIDS secondo lo schema 90 90 90 di UNAIDS: entro il 2020 il 90% della popolazione stimata con HIV dovrà avere consapevolezza della propria situazione, il 90% delle persone sieropositive dovrà ricevere il sostegno della terapia antiretrovirale, il 90% dei pazienti in trattamento dovrà raggiungere la soppressione della carica virale.

Attualmente DREAM gestisce due dei quattro laboratori di biologia molecolare presenti nel Paese: uno a Mbandaka e uno Kinshasa. I pazienti presi in carica al 31 dicembre 2018 sono 3.000 e dal 2008, quando DREAM ha iniziato a lavorare in Repubblica Democratica del Congo, a oggi i campioni processati sono 77.000.

In Congo la Comunità di Sant’Egidio è in grado di processare un numero elevato di campioni anche grazie al metodo DBS (Dried Blood Spots), sistema che permette una agevole conservazione e spedizione del campione. La sfida, per i prossimi mesi, sarà quella di individuare un punto strategico per ogni provincia dove formare gli operatori, distribuire gli strumenti necessari per la raccolta del sangue e per la tracciabilità dei dati, avviando così una capillare attività di prevenzione su gran parte del territorio.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Rinnovato l’accordo tra DREAM e l’Associazione Bambini del Danubio per il sostegno al Programma in Congo RDC

Il Programma DREAM è presente in Congo RDC dal 2009 a Mbandakà e dal 2011 a Kinshasa  con l’apertura del Centro Floribert Bwana realizzato grazie al contributo dell’Associazione Bambini del Danubio e al Gruppo Assicurazioni Generali.

L’associazione Bambini del Danubio e il suo Presidente Dr Sergio Balbinot non hanno mancato durante tutti questi anni di sostenere, con il loro aiuto concreto e con la solidarietà necessaria, lo sviluppo del Programma DREAM nel paese.  Il desiderio di curare i meno fortunati secondo metodologie ed approcci moderni di qualità e gratuiti, hanno accomunato fin dall’ inizio l’Associazione Bambini del Danubio e la Fondazione DREAM Comunità di Sant’Egidio. Le due associazioni si sono ritrovate negli anni vicine e molto solidali condividendo in tutto il lavoro e la speranza di poter rendere accessibili le cure ai malati più svantaggiati, come i malati in Congo o i bambini provenienti da paesi poveri, curati gratuitamente in Italia.

E’ grazie a questa amicizia e appoggio concreto, garantito dall’Associazione Bambini del Danubio, che il Programma DREAM oggi rappresenta nella Repubblica Democratica del Congo l’esempio migliore di cure gratuite e di qualità per l’HIV.

In questi giorni, nello spirito di grande affiatamento e collaborazione, nonché di condivisione degli obiettivi, è stato firmato un nuovo accordo, che consentirà al Programma DREAM di proseguire le sue attività grazie alle risorse necessarie assicurate dall’Associazione  permettendo la continuazione delle cure dei malati in Congo.

Durante questi anni di grande lavoro e di grande amicizia con molti, DREAM ha incontrato uomini e donne che hanno reso possibile il suo lavoro in Africa tra i malati. Dall’inizio  l’Associazione Bambini del Danubio  è stata tra questi.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Formare per arrivare a tutti

8bSi è appena concluso, al Centro DREAM di Kinshasa, un importante Corso di formazione. La strategia di lotta all’AIDS richiede sempre maggiore impegno, a fronte dell’obiettivo posto dal WHO di arrivare entro il 2020 al “90, 90, 90” (90% persone sottoposte al test, 90% in terapia con antiretrovirali, 90% con una carica virale sotto controllo). Nella Repubblica Democratica del Congo (dato 2014) non hanno accesso al test il 78% delle donne e l’84% degli uomini: il depistage dell’HIV è quindi una priorità assoluta. Ecco quindi la scelta strategica del Programma DREAM della Comunità di Sant’Egidio: fornire a 25 agenti di salute “alla pari”  (pazienti che hanno scelto di cominciare a testimoniare come affrontare la malattia vivendo una vita normale, serenamente) la capacità di effettuare il test ed il counseling a tante altre persone, nei centri di salute, a scuola, nei posti di lavoro.  Attivisti del Programma provenienti da Kinshasa e Mbandaka, ma anche da altre organizzazioni impegnate nella lotta allo stigma, hanno partecipato con interesse a tre giorni di intenso lavoro. Teoria, pratica, role playing, ma anche condivisione a distanza con l’esperienza di altri centri, come il Centro DREAM di Conakry, dove la coordinatrice Fatoumata Sylla affronta quotidianamente  situazioni assai complesse. In considerazione di questo corso “pilota”, primo nel suo genere, il Direttore aggiunto del PNLS (Piano Nazionale di Lotta al Sida) ha voluto consegnare personalmente gli attestati. Dopo la visita al Centro e l’incontro con i partecipanti al Corso, si è complimentato per l’umanità, combinata alla qualità, che fanno di DREAM un modello da mostrare al paese. Arrivare in pochi anni a “dominare” la malattia è un obiettivo difficile; grazie anche a DREAM, ed a questa nuovo modello di formazione, è già possibile.

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail